Privacy Policy Rostro Rosso – Cesare Carta

Rostro Rosso

Rostro Rosso

Mi ci sdraio su quel Rosso,
sembra il mare, non è mosso
forse è sunto del mio corpo
che veleggia in un mar Rosso

è possibile somigli
a quei Rossi più vermigli
quelli intensi come falsi,
dai colori decadenti

mi ricorda delle labbra
mai baciate, mai volute
labbra Rosse di puttana
appoggiata alla banchina

guardo dritto verso prua
sembra Rosso di Polena
che brandisce come jena
il suo Rostro, Rosso pena

non c’è forza, nè rispetto
in quel rosso al mio cospetto
se lo mischio al mio colore,
è del sesso, non amore

mi addormento su quel Rosso
forse è vino, forse un mostro,
forse è Rostro della nave
Rosso solo del mio sangue

Rostro vero e maledetto
Rostro che, mi
squarcia
il petto

Cesare


3 Maggio 2014

Seguimi su

Facebook Twitter Youtube